Categoria: Eventi e News

Manifesto di Pescara

Manifesto di Pescara: libertà ed intelligenza, i Lions indicano la strada.

Il Manifesto si propne come momento di riflessione e proposta fondamentale della Conferenza del Mediterraneo. Il suo obiettivo è di proporre a tutti i Lions del mondo un nuovo modello di aiuto umanitario che, in inglese, è possibile sintetizzare con i termini “Aid, Development, Freedom”, ovvero, in italiano i tre concetti di “aiuto umanitario, sviluppo, libertà”.

L’obiettivo è semplice, concretizzare l’aiuto in modalità che liberino i beneficiari dell’aiuto dall’aiuto stesso.

Questa  è in realtà l’attuazione pratica del pensiero di Melvin Jones: “Aiutateli oggi a non chiedere più aiuto domani”. Ovvero, dare a coloro che ne necessitano gli strumenti per essere attori e protagonisti del proprio sviluppo e del proprio futuro. Come ha spiegato Ermanno Bocchini: “la libertà è quella di poter realizzare un futuro nei paesi sottosviluppati interrompendo l’emigrazione”. E’ il concetto di “investimento umanitario” che mira a realizzare in loco le condizioni  che consentano lo sviluppo economico delle popolazioni.

IL PROGRAMMA

Due concetti dettano la linea per un programma di aiuti umanitari:

  1. chi è nel bisogno oggi non abbia domani;
  2. aiuti umanitari che favoriscano la libertà.

Concetti che sono il cuore del  “Manifesto di Pescara” approvato per acclamazione alla 18^ Conferenza dei Lions del Mediterraneo. 

Un vero e proprio dono per il  presidente internazionale Joe Preston da parte degli oltre 600 delegati di 17 Paesi che hanno partecipato alla manifestazione.

L’ambizioso programma è stato illustrato dal past Direttore Internazionale Ermanno Bocchini, che si è richiamato al pensiero guida di Melvin Jones, esaltando i valori della Libertà intesa come affrancamento dal bisogno (Kennedy) e dell’Intelligenza come capacità di scrutare il futuro (Jefferson).

Così si è espresso il Prof. Bocchini: “Nel Mediterraneo abbiamo bisogno dell’intelligenza. Perché il Mediterraneo è il futuro del mondo”.

Bocchini ha citato poi ricorda Gandhi precisando che “occhio per occhio” è necessario anche per creare amore e gentilezza e cita  Dambisa Moyo, premio Nobel per la pace,  che considera letale la carità fine a se stessa.

“Il manifesto è un ponte fra passato e futuro – ha detto ancora il past Direttore Internazionale-. Se pensiamo solo al passato non attueremo il pensiero di Melvin Jones”.

“Noi lions non siamo una organizzazione politica, ma possiamo aiutare la ricerca della pace nel mondo – ha detto in chiusura della Conferenza il presidente Preston – Non possiamo permettere che il terrore ci privi della possibilità di aiutare gli altri”. “Avete molti leader nei vostri club – ha concluso- ma occorre formare i leader del futuro. Ho visto tanti leo all’ingresso della sala. Sono pieni di entusiasmo e di voglia di fare. Sono loro il nostro futuro”.

La Carta della Cittadinanza Umanitaria Europea

Presentazione estratta da un saluto di Ermanno Bocchini, Past ID, ai Governatori nella giornata della Carta della Cittadinanza Umanitaria del 13 Aprile 2009

La Carta della cittadinanza umanitaria europea, approvata all’unanimità dal Forum Europeo di Roma del 2004 e di Bucarest del 2007, è entrata nella fase operativa e comporta una vera e propria internazionalizzazione della vita dei Distretti e dei Clubs.

“La Carta dà attuazione al primo scopo del lionismo, che è creare a stimolare uno spirito di comprensione tra i popoli del mondo, e alla nuova Missione dell’Associazione, che abbiamo approvato nel Board di Nuova Delhi (2007) e che consiste nel promuovere la “comprensione internazionale ” attraverso i Lions Clubs” (“to promote international undes tanding trough lions clubs’”.

I Distretti e i Clubs d’Europa debbono cominciare ad incontrarsi per lavorare insieme non un giorno all’anno ma tutto l’anno, per organizzare insieme la speranza di un mondo un po’ più giusto e più sicuro, più bello e più umano.
Ai Governatori spetta la grande responsabilità civile di inaugurare il 21 marzo di ogni anno la “Giornata della Cittadinanza Umanitaria” in tutto il Multidistretto ltaly, che diventa, così, laboratorio internazionale di lionismo del nuovo millennio. Credevamo che gli aiuti umanitari fossero il nostro traguardo ultimo; oggi capiamo che gli aiuti umanitari non bastano se i popoli poveri moltiplicano le guerre con le armi fomite loro dagli stessi paesi che, poi, donano aiuti umanitari alle vittime della violenza. 
Oggi capiamo che siamo di più, ancora di più di una multinazionale della solidarietà, perché gli esperti delle Nazioni Unite ci dicono che nessun paese è mai uscito dal sottosviluppo grazie agli aiuti umanitari. Il nostro Programma di aiuti deve, allora, innescare un processo virtuoso di Cross-Fertilization e di Partnership tra paesi ricchi e paesi poveri e questi ultimi devono avviare processi virtuosi di sviluppo umano autonomo, in pace e non in guerra con gli altri propoli poveri.
“Aiutiamoli oggi a non chiedere più aiuto domani” in una nuova cittadinanza umanitaria attiva significa dare pari dignità umana e, perciò, cittadinanza a tutti i popoli del mondo e a tutti gli abitanti del nostro come pianeta.

Humanitarian Citizenship sul piano sociale e Cross-fertilization sul piano dello sviluppo socio-economico umano possono essere, grazie al nostro orgoglioso passato, il traguardo della nostra azione nei prossimi anni sociali.

Vi ringrazio per tutto ciò che farete per i soci, per i Clubs, per i Distretti, per l’Associazione”

Ermanno Bocchini

LA CARTA DELLA CITTADINANZA UMANITARIA EUROPEA-18 Aprile 2009

Seconda Conferenza Regionale dei Services Lions

Mercoledì 14 dicembre alle ore 10 presso la sede del Consiglio Regionale Campania, si è svolta  la seconda Conferenza regionale dei Services Lions in attuazione alla Legge regionale della Regione Campania n.12 del 1 luglio 2011.

La Conferenza vede tra i relatori  il Presidente del Consiglio Regione Campania, Rosetta  D’Amelio,   il Dottor Renato Rivieccio, Governatore Lions distretto 108 Ya, il Professore Ermanno Bocchini , Past Direttore Internazionale Lions con i Presidenti dei Lions Clubs, rappresentanti dei rispettivi Presidenti di circoscrizione.

L’incontro si è articolato in tre momenti; in apertura, è stato illustrato il significato ed il valore costituzionale della legge regionale promossa dal Centro Internazionale di Ricerche “Cittadinanza Umanitaria”.

A seguire, l’intervento della Presidente Roselli in ordine al lavoro legislativo dell’Assemblea regionale per la partecipazione della società civile ai processi decisionali pubblici in attuazione non solo dell’art. 118 della nostra Costituzione sulla sussidarietà orizzontale, ma anche nel “Code of Good Practice for Civil Partecipation in the Decision-Making Process” del Consiglio d’ Europa di Strasburgo.

Il terzo momento sarà dedicato alla presentazione da parte dei Presidenti dei Clubs, rappresentati dai rispettivi Presidenti di circoscrizione, del Documento Strategico regionale al fine di illustrare la programmazione di tutti i Services, sia operativi che progettuali in attuazione della legge n.12 del 2011, che saranno svolti per l’anno sociale 2016/17 dai Clubs della Regione Campania

Prima Conferenza Regionale dei Service Lions in Basilicata

Prima Conferenza Regionale dei Service Lions in Basilicata In BASILICATA la Prima Conferenza Regionale dei Service Lions, il 14 gennaio, si propone di dare attuazione alla Legge della Regione Basilicata n. 20 del 26 settembre 2016. La  Conferenza si è articolata in tre momenti e si sè svolta  dalla Sala del Consiglio Regionale della Regione Basilicata.

La Conferenza è lo strumento programmatico e attuativo della legge regionale n. 20 del 26 Settembre 2016. L’obiettivo è quello di promuovere, agevolare e sollecitare l’impegno diretto dei cittadini.

Un moto “dal basso” che è necessario per  garantire una risposta ai  bisogni sociali in tema di assistenza socio-sanitaria, di lotta all’emarginazione, di contrasto alle nuove e crescenti povertà e rispondere in maniera concreta all’istanza di  migliori servizi in favore di chi convive con il fenomeno delle disabilità.

Conferenza Regionale Service Lions Calabria 10 dicembre 2016

SABATO 10 DICEMBRE 2016 ORE 10.00 a REGGIO CALABRIA la Prima Conferenza Regionale dei Service Lions.

La Prima Conferenza Regionale deu Service Lions, il  10 dicembre, si è proposta di organizzare e promuovere l’attuazione alla Legge della Regione Calabria n. 29 del 28 giugno 2012.

La Conferenza si è articolata in tre momenti e si è svolta nella Sala del Consiglio Regionale.

Il PRIMO MOMENTO ha avuto il suo focus nell’illustrare il significato ed il valore costituzionale delle rispettive leggi regionali, fortemente promosse dal Centro Internazionale di Ricerche “Cittadinanza Umanitaria” .

Il SECONDO MOMENTO ha visto l’intervento  di ascoltare  dell.on.NICOLA IRTO, in rappresentanza della Presidenza del Consiglio Regionale,  in ordine al lavoro legislativo dell’assemblea regionale, per la partecipazione della società civile ai processi decisionali pubblici, in attuazione non solo dell’art. 118 della nostra Costituzione repubblicana sulla sussidiarietà orizzontale, ma anche nel “Code of Good Practice for Civil Participation in the Decision-Making Process ” del Consiglio d’ Europa di Strasburgo.

Il TERZO MOMENTO ha permesso ai  Presidenti dei Club, rappresentati dai rispettivi Presidenti di Circoscrizione, di presentare il  Documento Strategico regionale per presentare la programmazione di tutti i service sia operativi sia progettuali, per l’attuazione della legge n. 29 del 28 giugno 2012 Calabria.

Presente Renato Rivieccio, Governatore del Centenario